Torna alla lista di tutti i comunicati stampa

13/9/2006
 
 
Convegno e workshop sulla dislessia. Giacomo Stella: ``San Marino è diventato il più importante punto di riferimento della penisola nelle ricerche avanzate nella cura di questa malattia``

 

“San Marino è diventato il più importante punto di riferimento della penisola nelle ricerche avanzate nella cura della dislessia e il contributo della Fondazione San Marino è stato fondamentale in questi anni”. Con giustificato orgoglio, Giacomo Stella ( Dipartimento della Formazione dell’Università di San Marino),  rivendica nella conferenza stampa di presentazione un primato sammarinese nella ricerca costruito in sedici anni di attività di formazione e di convegnistica in questo settore. Quest’anno infatti è l’ottava edizione del Convegno internazionale (15-16 settembre) che ha come titolo Imparare: questo è il problema. Sistemi ortografici e dislessia: Cause e/o effetto?”. Il 14  settembre al Palazzo SUMS un altro appuntamento di grande rilievo. Un workshop internazionale  al quale parteciperanno ricercatori di diversi paesi europei rappresentativi delle nazioni che hanno sistemi ortografici trasparenti, dalla Finlandia alla Spagna, Grecia, Francia, Ungheria, Svezia. Perché l’apparente paradosso della dislessia (malattia di origine neurobiologica che provoca una disabilità specifica dell’apprendimento della lettura),  è quello che la lingua più parlata al mondo, l’inglese, di facile grammatica, è una delle più difficili da apprendere per i dislessici  per la sua ricchezza di fonemi.  E quindi poco trasparente.

Alcune ricerche dimostrano che al termine della prima elementare i bambini italiani sono in grado di leggere il 95% delle parole, mentre quelli inglesi si fermano al 40%.  La causa: la lingua italiana associa solo 28 suoni alle 21 lettere dell'alfabeto, quella inglese, appunto,  molti di più.

Il workshop, che si propone di essere il primo di una serie di appuntamenti annuali, è stato realizzato come corollario dell’ottava edizione del  Convegno internazionale grazie ancora alla collaborazione e al contributo della Fondazione San Marino, Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino - SUMS.

La Fondazione ha grande attenzione verso la ricerca scientifica – ha affermato l’avvocato Renzo Bonelli. E’ e sarà  uno dei temi fondamentali della nostra attività di finanziamento”. Ricordiamo che l’altro settore avanzato della ricerca sammarinese, quello dell’educazione pre natale, da anni ha avuto il contributo decisivo della Fondazione San Marino.

 


 

Torna alla lista di tutti i comunicati stampa